Topnegozi Blog Casa e Famiglia Postepay Standard: carta prepagata per acquistare online

Postepay Standard: carta prepagata per acquistare online

🕒 Tempo di lettura: 9 minuti

Che cos’é Postepay Standard

Considerata la prepagata di base offerta da Poste Italiane, Postepay Standard è una carta ricaricabile facente parte del circuito Visa.

Comoda da utilizzare per pagamenti in negozi reali e sopratutto per fare shopping nei negozi online.

Oppure per prelevare contanti presso gli sportelli ATM Postamat e in quelli bancari che espongono il logo Visa.

Utilizzabile in Italia e all’estero può venire personalizzata secondo singole esigenze tramite app dedicate. Che consentono di stabilire i limiti di prelievo giornalieri e quelli di pagamento. Scaricando l’app Postepay viene offerta la possibilità di sfruttare i più recenti servizi mobili per pagare molti servizi direttamente dal proprio smartphone.

Per i giovani utenti di età compresa tra 10 e 18 anni è disponibile anche una Postepay Junior ricaricabile, che consente di effettuare numerose operazioni anche se minorenni. Il plafond massimo, corrispondente a 3.000€ per la versione Classica. Mentre 1.000€ per quella Junior, viene rimborsato secondo la normativa consultabile nel sito di Poste Italiane.

Mentre i clienti più esigenti possono richiedere la carta ricaricabile Postepay Evolution che permette un servizio come dice il nome stesso evoluto.

Il prelievo giornaliero ha un tetto massimo di 250€ (100€ per la Junior), quello mensile è illimitato. Con un notevole vantaggio gestionale per chi non è in grado di preventivare esattamente le proprie spese. Tutti i pagamenti effettuati presso un qualsiasi Ufficio Postale oppure tramite POS, così come le ricariche del cellulare non hanno costi aggiuntivi.

Quanto costa Postepay Standard

Al momento della sottoscrizione, la spesa di attivazione di Postepay Standard ricaricabile è di 10€, che si abbassa a 5€ per la versione Junior. Per ogni ricarica presso Uffici Postali, il costo è di 1€, mentre presso le tabaccherie diventa di 2€. Le spese per un prelievo nel nostro paese corrispondono a 1€ negli Uffici Postali e a 1,75€ nelle tabaccherie. Mentre all’estero sono di 5 euro.

In caso di furto o smarrimento, la sostituzione della carta prevede una spesa di 5€. Si tratta di costi di gestione decisamente contenuti, con l’unica limitazione dell’impiego della carta all’estero. Dove, grazie al circuito Visa Electron di cui essa fa parte, viene offerta la possibilità di effettuare tutte le operazioni, ma con addebiti piuttosto elevati.

Pertanto è sempre consigliabile ritirare il denaro in un’unica soluzione.

Come funziona e cosa offre Postepay Standard

Non avendo un canone annuo, questa carta ricaricabile si conferma la scelta ideale per chi desidera poter disporre di una prepagata estremamente versatile ed economica. Una carta in grado di consentire un’ampia libertà di gestione. Essa viene emessa senza l’obbligo di un conto corrente d’appoggio che può comunque sostituire in tutto e per tutto.

Tramite il servizio Sconti Banco Posta, i detentori di Postepay Standard possono risparmiare sugli acquisti effettuati presso i negozi aderenti. L’utente è in grado di controllare i movimenti finanziari anche in mobilità. Grazie a servizi attuabili gratuitamente che permettono anche di ricaricare la carta dal cellulare.

Come richiedere Postepay Standard

Per richiedere Postepay Standard è necessario recarsi presso un qualsiasi ufficio postale con un documento d’identità (preferibilmente la Carta d’Identità) e il codice fiscale. L’emissione della ricaricabile non presuppone la presenza di un conto corrente d’appoggio.

Le due opzioni proposte sono Postepay Standard e Postepay Junior, per utenti fino a 13 anni che prevede costi di gestione più bassi, ma anche una minore libertà di gestione. Viene richiesta inoltre la compilazione di un modulo comprendente alcuni dati identificativi, in ottemperanza con le normative vigenti. Al momento della consegna, la carta prepagata è immediatamente attiva e, tramite ricarica di una cifra scelta dall’utente, è anche utilizzabile fin da subito.

Come ricaricare Postepay Standard

Per ricaricare Postepay Standard è possibile recarsi presso un qualsiasi Ufficio Postale ed effettuare l’operazione che ha un costo di 1€ indipendentemente dalla cifra versata.

Si può usufruire anche del servizio offerto da tutti gli sportelli ATM Postamat. Usando una qualsiasi carta di pagamento aderente al circuito di Banco Posta o anche al circuito Postamat. Entrando nel sito Postepay tramite app per tablet e smartphone e servendosi di un’altra Postepay. Oppure con addebito su Banco Posta attraverso il servizio di Home Banking, è possibile effettuare una ricarica.

Viene offerta anche l’opzione di ricaricare la carta a domicilio, tramite pagamento con qualsiasi carta Banco Posta o Postepay. Dopo aver attivato preventivamente il servizio attivo per portalettere abilitati da Poste Italiane. Esiste la possibilità di servirsi del servizio di ricarica automatica “a tempo”, settimanale, quindicinale o mensile, e “a soglia” quando il saldo scende sotto a un determinato valore.

Come verificare il saldo di Postepay Standard

Per verificare il saldo di questa carta prepagata è possibile recarsi presso un qualsiasi Ufficio Postale richiedendo la lista movimenti allo sportello. La richiesta può essere effettuata anche tramite ATM Banco Posta, oppure attraverso il sito Postepay, potendo disporre di un dispositivo informatico.

In quest’ultimo caso è necessario essere registrati al sito e accedere all’area personale (cliccando in alto a destra), mediante l’inserimento di nome e password. Poste Italiane ha recentemente perfezionato le procedure di riconoscimento degli utenti. Aumentando il numero di codici identificativi necessari per accedere alla propria area personale. Si tratta di servizi indispensabili per tutelare la clientela.

Viene infatti inviato un codice al numero di cellulare inserito, il cui ruolo è quello di consentire l’avanzamento della procedura di richiesta del saldo.

Sono riportati due valori: saldo disponibile e saldo contabile.

  • Il primo indica la cifra realmente presente sulla carta e che quindi può essere spesa;
  • il secondo invece comprende l’insieme di operazioni contabilizzate e registrate regolarmente.

Servendosi di un ATM Postamat, dopo aver inserito il PIN, bisogna accedere alla sezione “Informative” che riporta sia il saldo che la lista dei movimenti.

Operazioni consentite con Postepay Standard

L’operatività di Postepay Standard è molto estesa e consente di effettuare numerose transazioni in assoluta sicurezza:

  • prelievi presso gli Uffici Postali oppure dagli sportelli ATM Banco Posta, rispettando il massimale giornaliero di 250 euro;
  • prelievo dagli ATM bancari abilitati al circuito Visa e Visa Electron;
  • pagamenti nazionali e internazionali in tutti le strutture convenzionate al circuito Visa e Visa Electron;
  • pagamenti di F24, bollettini e ricariche di cellulari;
  • gestione e controllo dei pagamenti e visualizzazione della lista movimenti e saldo;
  • utilizzo dei servizi on-line dei siti di Poste Italiane;
  • pagamenti sul web per tutti i siti aderenti al servizio Visa;
  • collegamenti con PayPal per movimentazione di cifre di varia entità;
  • pagamento di pedaggi autostradali sul territorio nazionale.

Bisogna tenere conto del fatto che questa carta, come tutte le prepagate, ha dei limiti, corrispondenti a un plafond massimo di 3.000 euro, ad un valore di 250 euro giornalieri di prelievo mentre non ha limitazioni per quanto riguarda l’entità del prelievo mensile.

Prelievi e pagamenti con Postepay Standard

I prelievi tramite Postepay Standard possono essere fatti sia allo sportello ATM Banco Posta che presso un qualsiasi ufficio postale, presentando la carta insieme al proprio documento d’identità e al codice fiscale. I pagamenti vengono effettuati in tutti gli esercizi commerciali aderenti al circuito Visa e Visa Electron, dove la carta è accettata per ogni operazione, previa digitazione del PIN.

Con i modelli contactless, essa può essere soltanto avvicinata al POS senza necessità di nessun codice e soltanto per cifre inferiori a 25 euro. Per i pagamenti sul web, la Postepay Standard si conferma un mezzo ideale per non correre rischi di clonazione in quanto consente di mantenere sul conto soltanto cifre limitate.

Queste procedure vengono di norma richiesti sia il numero della carta, sia il codice CVV (visualizzabile sul retro), che la data di scadenza.

I pagamenti possono utilizzare anche l’opzione del PayPal.

Pagamenti all’estero

Per quanto si riferisce all’impiego di Postepay Standard nei paesi dell’intera Europa non è necessaria alcuna operazione supplementare in quanto essa è già abilitata a tutti i circuiti Visa.

Per i paesi extra Europei è invece necessario attivare la specifica opzione servendosi del servizio on-line “Le mie carte” e seguendo le linee guida. Una volta disponibile, questo servizio consente di usare la carta per i pagamenti tramite POS oppure per prelievi, sempre appoggiandosi ai circuiti Visa, diffusi praticamente ovunque.

Nei paesi aderenti all’euro, le spese di commissione per prelievo sono pari a 1,75€ (i POS sono gratuiti), mentre in quelli fuori euro, il costo del prelievo corrisponde a 5€ maggiorato del 1,1% dell’importo prelevato.

In caso di POS le spese ammontano a 1,1% della cifra.

Sicurezza nei pagamenti

Adeguandosi alle normative della Direttiva Europea Payment Services Directive, Poste Italiane applica un sistema di sicurezza web estremamente efficace. Che si serve di codici identificativi e di PIN “usa e getta” che vengono impiegati una sola volta.

Tutte le transazioni effettuate con Poste Italiane, sia nazionali che estere, vengono infatti autorizzate tramite una password dinamica. Inviata con SMS al numero di cellulare indicato nel proprio profilo personale. Per la massima tutela del cliente, Poste Italiane non invia mai nessuna comunicazione all’indirizzo mail dell’utente, ma soltanto SMS sul cellulare.

Per aderire al Sistema di Sicurezza Web è necessario associare alla Postepay un numero di cellulare; tale procedura deve essere eseguita presso un Ufficio Postale o un ATM Postamat.

Dopo l’abilitazione Poste Italiane, per ogni operazione, invia una OTP (One Time Password), tramite SMS gratuito. Questa deve essere inserita nell’apposita casella della pagina web, prima di ricevere conferma dell’operazione tramite una comunicazione sulla bacheca.

Cosa fare in caso di furto o smarrimento

L’operazione preventiva da effettuare in tutti i casi di furto o smarrimento della Postepay standard consiste in una denuncia ai Carabinieri, da presentare all’Ufficio Postale per il blocco della carta.

È anche disponibile un numero verde di Poste Italiane attivo tutti i giorni 24 ore su 24, che risponde all’800.902.122 (dall’Italia) oppure a +39 049.210.01.49 (dall’estero).

In ogni caso la carta viene bloccata contestualmente e risulta inattiva.

Dopo aver bloccato la ricaricabile, è sempre opportuno controllare il saldo e la lista dei movimenti, per rendersi conto se sono state effettuate transazioni di denaro. Per farlo è necessario accedere all’area personale di Poste Italiane, inserendo il nome utente e la password.

Soltanto nel caso in cui risultino delle sottrazioni di cifre, è consigliabile comunicarle a Carabinieri o Polizia. Avviando una procedura di denuncia tramite compilazione di un modulo su cui inserire: oltre ai propri dati anagrafici, il numero della carta e il codice di blocco. Con tale documentazione bisogna recarsi all’Ufficio Postale compilando il modulo di disconoscimento delle operazioni. Tramite cui Poste Italiane farà un’indagine che se avrà esito positivo porta alla restituzione del denaro.

Come rinnovare la Postepay Standard

Per rinnovare gratuitamente la Postepay Standard, è sufficiente recarsi presso un qualsiasi Ufficio Postale consegnando la carta scaduta per riceverne una nuova immediatamente attiva.

Alternativamente è possibile effettuare questa operazione chiamando il numero verde 800.003.322 oppure tramite il sito Postepay; in entrambi i casi la prepagata viene inviata gratuitamente al proprio domicilio.

È possibile richiedere una nuova carta a partire da due mesi prima e fino a diciotto mesi dopo la scadenza, per avere la certezza che il credito residuo della precedente venga trasferito su quella nuova.

Una volta ricevuta, la Postepay Standard deve essere attivata online per poter diventare immediatamente operativa. Il PIN della Postepay non cambia, bisogna soltanto inserirlo nuovamente.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In primo piano

Migliori siti cibo americano 100% USA: codici sconto validi

🕒 Tempo di lettura: 6 minuti - L'American Food da qualche tempo sta impazzando sul web e...

Dove acquistare mascherine chirurgiche al miglior prezzo

🕒 Tempo di lettura: 7 minuti – Con l'allentamento delle regole sul lockdown a partire dal 4 maggio, tutti...

Cashback Tannico: 19,50€ di rimborso sul primo acquisto!

🕒 Tempo di lettura: 6 minuti - Il vino è un piacere a cui pochi sanno rinunciare, il compagno...

Amazon Prime: quanto costa e cosa include

🕒 Tempo di lettura: 35 minuti - Visitando il sito Amazon, avrai notato come tantissimi articoli siano indicati con...